Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie policy

Lo sapevi che...? Il mondo dell'apicoltura

 

"Lo sapevi che...?" # 10 - I compiti dell'ape regina

 Ape regina

La regina è la madre di tutte le api della famiglia. Essa viene nutrita dalle giovani operaie ( dal 5 al 12 giorno di età) con pappa reale. Altre operaie spesso più vecchie (da 1 a 36 giorni di età) spesso l’accarezzano e la leccano per suggere una sostanza, la sostanza reale, secreta dalle ghiandole mandibolari e tergani e della cui importanza parleremo in uno dei prossimi numeri della rubrica 

 Deposizione

Deposizione ape regina

Normalmente una regina è in grado di deporre alcune migliaia di uova al giorno, fino a 3000 in casi eccezionali per diversi anni. Il ritmo viene regolato da svariati fattori, interni ed esterni, fra cui siccità carestia, mancanza di spazio ecc… Solo il freddo è in grado di arrestare la deposizione per un periodo relativamente lungo. Le uova vengono normalmente deposte nella parte centrale dell’arnia in uno spazio grosso modo sferico, circondato da miele e polline ed in cui la temperatura si mantiene costantemente fra i 34 e 35 °C

 

Dopo alcuni anni di deposizione (3-4) in una stessa arnia o più arnie se nella colonia ci sono state sciamature, la regina termina la provvista di spermatozoi ed è in grado quindi di deporre solo covata maschile (regina fucaiola). Una colonia con regina fucaiola è destinata a perire se l’apicoltore non interviene tempestivamente. Normalmente però non si arriva a questo punto e quando la regina comincia ad esaurirsi le pai operaie partendo da uova fecondate allevano una od alcune regine, ma sempre meno di quando si preparano alla sciamatura, per sostituire la vecchia

 Sostituzione della regina

La sostituzione naturale delle regine è un fatto generalizzato e più frequente in certi ceppi rispetto ad altri. Durante la sostituzione soprattutto se avviene alla fine dell’estate la regina vecchia e quella giovane possono coabitare. In primavera comunque la regina vecchia sarà scomparsa. Alcune regine vengono sostituite già dopo il 1° anno di vita, il ritmo di sostituzione poi si accentua dirante i 4 anni seguenti  e le regine di più di 5 anni sono delle vere eccezioni. Anche se molte le regine che superano i tre anni (circa il 60%) è anche vero che il ritmo di deposizione rallenta sensibilmente con l’età a partire dal 2° anno di vita. Per questa ragione si è diffusa la prassi fra gli apicoltori di sostituire dopo 2 anni le regine in modo da avere regine sempre efficienti e poco portate alla sciamatura, tendenza che aumenta con l’aumentare dell’età della regina. A volte è possibile rinvenire negli alveari regine di transizione che hanno caratteristiche intermedie fra le regine e le operaie. Si può trattare di operaie ovificatrici oppure di vere regine di transizione che verranno sostituite nel giro di qualche mese.

 

 

Alla prossima puntata della nostra rubrica "Lo sapevi che...?" # 11 – Lo sviluppo dei fuchi, dove inizieremo ad introdurre e parlare dei fuchi.