Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie policy

Lo sapevi che...? Il mondo dell'apicoltura

"Lo sapevi che...?" La cera

Favo

Non tutti sanno che il miele del nostro apicoltore di fiducia potrebbe contenere in realtà sostanze provenienti dai prodotti utilizzati per la cura delle api stesse. Principi attivi degli acaricidi utilizzati impropriamente, secondo un regime certamente non biologico.

Solo a titolo informativo, riportiamo i limiti critici di acaricidi e antibiotici nei prodotti delle api:

Favo naturale
 
Prodotto  Quantità massime residui 
Miele  Quantità massime residui: assenti, ovvero ≤0,010 mg/Kg (limite rilevabilità strumentale)
Propoli  Quantità massime residui: assenti, ovvero ≤0,010 mg/Kg (limite rilevabilità strumentale) 
Pappa reale   Quantità massime residui: assenti, ovvero ≤0,010 mg/Kg (limite rilevabilità strumentale)
Cera 

Quantità massime residui:

somma dei residui totali dei 4 principi attivi (coumaphos, fluvalinate, cimiazolo, amitraz): 0,30 mg/Kg,

con le seguenti limitazioni:

Coumaphos: 0,20 mg/Kg

Fluvalinate: 0,10 mg/Kg

Clorfenvinfos (assente) 0,010 mg/Kg

Il mal operato degli apicoltori degli anni passati rendono oggi difficile la reperibilità di cera "pulita". Appronfondiremo l'argomento nelle prossime rubriche